Collegati con noi

farmaci

L'intervento farmaceutico da solo non può aiutare i fumatori a smettere

I farmaci farmaceutici da soli potrebbero non essere efficaci nell'aiutare i fumatori a smettere, dicono i ricercatori.

Pubblicato

on

Foto: Lukasbieri

Wellbutrin e Vareniclina sono spesso prescritti come trattamento per aiutare a smettere di fumare. Sulla base di un nuovo studio, tuttavia, l'uso dell'intervento farmaceutico da solo potrebbe non essere efficace quanto si pensava una volta.

Come pubblicato nel Journal of National Cancer InstituteI ricercatori dell'Università della California hanno scoperto che i farmaci per smettere di fumare da soli potrebbero non aiutare completamente i fumatori a prendere l'abitudine.

Secondo i ricercatori, la percentuale di fumatori di 34 ha provato a smettere di fumare per aiutarli a smettere, ma la maggior parte non ha successo.

"I risultati degli studi randomizzati che hanno testato questi farmaci interventistici hanno mostrato la promessa di raddoppiare i tassi di cessazione, ma questo non si è tradotto nel mondo reale", ha detto John Pierce, autore dello studio.

I ricercatori hanno raccolto dati dal Current Population Survey-Tobacco Use Supplement, che conteneva informazioni sull'uso dei prodotti del tabacco negli Stati Uniti tra gli adulti.

Hanno iniziato a studiare due gruppi che sono stati intervistati a distanza di quasi dieci anni e hanno utilizzato "matching", un metodo che aiuterebbe a bilanciare i gruppi di confronto su alcuni fattori, come ad esempio il numero di sigarette consumate periodicamente da un individuo.

Analizzando i dati, l'abbinamento ha aiutato i ricercatori a eliminare i pregiudizi, ma nei risultati non erano presenti prove che dimostrassero che i farmaci per smettere di fumare aumentavano le possibilità di smettere di fumare.

I risultati hanno sorpreso i ricercatori che hanno promesso di smettere di fumare in studi randomizzati. Ciò ha portato alla conclusione che la consulenza comportamentale intensiva, combinata con gli aiuti farmaceutici, può aver contribuito all'aumento delle percentuali di cessazione del fumo durante gli studi clinici.

"I fumatori che si sono impegnati a smettere e vogliono usare un aiuto farmaceutico dovrebbero anche iscriversi a un programma che possa aiutarli a seguire i loro progressi e sostenerli nel loro tentativo", suggeriscono i ricercatori.

Lo studio fa luce sull'importanza della consulenza comportamentale nei piani di trattamento e potrebbe aumentare i tassi di successo se gli aiuti farmaceutici e la consulenza sono entrambi combinati, come hanno concluso i ricercatori.

pubblicità

© 2018 Mental Daily. Tutti i diritti riservati.
Il nostro contenuto è a scopo informativo e non deve essere utilizzato come raccomandazione medica o terapeutica.

GTranslate Your license is inactive or expired, please subscribe again!