Collegati con noi

Salute Mentale

Disturbo da aggressione legato al maggior rischio di abuso di sostanze

I ricercatori hanno scoperto che l'abuso di sostanze era associato a comportamenti aggressivi nelle persone con IED.

Pubblicato

on

Foto: Pixabay

Un nuovo studio, pubblicato da ricercatori dell'Università di Chicago, collega il disturbo noto come disturbo esplosivo intermittente (IED) ad un alto rischio di problemi di abuso di sostanze.

Come pubblicato nel Journal of Clinical Psychiatry, le persone che soffrono di IED hanno cinque volte più probabilità di abusare di alcol, tabacco e marijuana rispetto a quelli che non mostrano costanti episodi di comportamento aggressivo fisico o verbale.

Nello studio, i ricercatori hanno analizzato i dati di più di soggetti 9,200 nel National Comorbidity Survey, un sondaggio nazionale sulla salute mentale negli Stati Uniti, secondo Vita della scienza.

I ricercatori hanno scoperto che l'abuso di sostanze su base giornaliera o settimanale era associato alla gravità del comportamento aggressivo nelle persone con IED.

Inoltre, è stato riscontrato che la relazione tra comportamento aggressivo frequente e abuso di sostanze e trattamento efficace per la condizione potrebbe ritardare nei giovani.

Più persone sono affette da IED - su 16 milioni di americani - rispetto alla schizofrenia e al disturbo bipolare combinati, sulla base di numeri recenti.

Lo IED viene diagnosticato per la prima volta negli adolescenti, giovani come 11; il disturbo si sviluppa alcuni anni prima della presenza di abuso di sostanze.

Secondo Emil Coccaro, MD, IED è genetico e tende a funzionare in famiglie; tuttavia, la gente di solito la tratta come una questione di comportamento sociale piuttosto che neurobiologica.

"La gente non lo vede come un problema medico. Pensano che sia semplicemente un cattivo comportamento che hanno sviluppato nel corso della loro vita, ma non lo è. Ha alle spalle una significativa biologia e neuroscienza ", ha affermato Coccaro.

IED potrebbe anche essere la prova di altri disturbi psichiatrici come ansia o depressione, come suggerito da precedenti ricerche. Tuttavia, l'ultimo studio dell'Università di Chicago respinge questa affermazione.

Invece, Coccaro e il suo team di ricercatori hanno scoperto che IED ha preceduto l'abuso di sostanze in oltre il 92 percentuale di casi in cui i pazienti avevano sviluppato entrambi i disturbi.

L'intervento psicologico precoce, i farmaci e la terapia cognitiva sono trattamenti essenziali per prevenire o ritardare i problemi di abuso di sostanze che si sviluppano negli adolescenti affetti da IED.

pubblicità

© 2018 Mental Daily. Tutti i diritti riservati.
Il nostro contenuto è a scopo informativo e non deve essere utilizzato come raccomandazione medica o terapeutica.