Collegati con noi

Cyberspazio

I ricercatori analizzano milioni di tweet per misurare la credibilità

Twitter potrebbe avere un impatto più considerevole sulla credibilità di un grande evento rispetto a quanto precedentemente noto.

Pubblicato

on

twitter-tweet-analisi-studio
Credito fotografico: Marketing Land

Secondo una nuova ricerca, parole o frasi specifiche potrebbero aiutare a identificare un livello di credibilità percepita dei tweet su Twitter. Questa determinazione si basava su un modello linguistico costruito da un team di ricercatori presso il Georgia Institute of Technology e suggerisce che i social media potrebbero avere un impatto più considerevole sulla credibilità di un grande evento rispetto a quanto precedentemente noto.

"Ci sono stati molti studi sulla credibilità dei social media negli ultimi anni, ma molto poco si sa su quali tipi di parole o frasi creano percezioni di credibilità durante eventi in rapida evoluzione", ha dichiarato Tanushree Mitra, la ricercatrice principale della Georgia Tech.

Lo studio è iniziato analizzando i tweet 66 associati agli eventi del mondo reale 1,400. Mitra e il suo team di ricercatori si sono sparsi in una miriade di tweet riguardanti eventi importanti come l'aumento dell'epidemia di Ebola e il contraccolpo associato alla morte di Eric Garner.

I tweet raccolti sono stati giudicati dai partecipanti sulla loro credibilità utilizzando una scala che va da "certamente accurati" a "certamente inaccurati". I risultati sono stati successivamente inseriti in un modello, che li ha suddivisi in varie categorie linguistiche, che includevano emozioni positive e negative, siepi e sostegni e ansia, tra le altre caratteristiche affettive.

Il sistema ha sondato i dati per determinare se i tweet fossero credibili o meno. Sulla base dei risultati, le parole combaciavano con le opinioni degli umani sulla percentuale di 68 del tempo, considerevolmente più alta della percentuale casuale del percento 25.

"I tweet con parole di richiamo, come" innegabile "e termini di emozioni positive, come" desiderosi "e" terrificanti ", erano considerati altamente credibili", ha rilevato lo studio. "Le parole che indicano un sentimento positivo ma che deridono l'impraticabilità dell'evento, come" ha "," sorrisi "o" scherzi ", sono state percepite come meno credibili."

È interessante notare che i post con un numero maggiore di retweet hanno ricevuto punteggi di credibilità più bassi, mentre le risposte con un numero di parole più lungo sono state ritenute più credibili, hanno dimostrato i risultati.

"Potrebbe essere che lunghezze dei messaggi più lunghe forniscono più informazioni o ragionamento, quindi sono considerate più affidabili", hanno suggerito i ricercatori. "D'altra parte, un maggior numero di retweet, che ha ottenuto un punteggio inferiore sulla credibilità, potrebbe rappresentare un tentativo di suscitare un ragionamento collettivo in periodi di crisi o incertezza".

Sebbene il sistema non sia disponibile al pubblico, i ricercatori di Georgia Tech stanno studiando lo sviluppo di un'app che percepisca l'attendibilità di un evento mentre si sviluppa sui social media.

"Quando combinato con altri segnali, come argomenti di eventi o informazioni strutturali, il nostro risultato linguistico potrebbe essere una componente importante di un sistema automatizzato. Twitter è parte del problema con la diffusione di notizie non veritiere online. Ma può anche essere parte della soluzione. "

Il documento sarà presentato alla 20th ACM Conference su Computer Cooperative Work and Social Computing supportati dal computer.

pubblicità

© 2018 Mental Daily. Tutti i diritti riservati.
Il nostro contenuto è a scopo informativo e non deve essere utilizzato come raccomandazione medica o terapeutica.

GTranslate Your license is inactive or expired, please subscribe again!